Morals and dogma Vol 6°
  • Morals and dogma Vol 6°
  • Morals and dogma Vol 6°
  • Morals and dogma Vol 6°

Morals and dogma Vol 6°

16,00 €
Quantità

Morals and dogma Vol 6° nell'edizione del 1984 ad opera di Bastogi, testo in italiano e bellissime illustrazioni di Alfredo di Prinzio.

213 pagine, sovracoperta usurata ma il libro è in ottime condizioni, pagine interne perfette, senza segni o sottolineature.

Morals and dogma Vol 6° nell'edizione del 1984 ad opera di Bastogi, testo in italiano e bellissime illustrazioni di Alfredo di Prinzio.

213 pagine, sovracoperta usurata ma il libro è in ottime condizioni, pagine interne perfette, senza segni o sottolineature.

Albert Pike era noto come avvocato e scrittore, tuttavia nel ruolo di Generale dell’esercito confederato fu, secondo fonti autorevoli, un completo disastro. Eppure è il solo generale confederato alla cui memoria sia stata eretta una statua di proprietà federale di Washington, DC. L’onorificenza in realtà non fu conferita al comandante o allo avvocato, ma al leader regionale del Rito Scozzese della massoneria.

La statua si trova su un piedistallo ai piedi del Campidoglio, tra il Dipartimento del Lavoro e il Palazzo Comunale, tra la Terza e la Quarta strada, su D Street, NW.

Durante la campagna presidenziale del 1992, Lyndon H. LaRouche e il suo compagno di corsa alla vicepresidenza, il reverendo James Bevel, promossero una mobilitazione per rimuovere la statua del generale Albert Pike da Washington. La campagna subì poi un attacco da parte del leader massonico C. Fred Kleinknecht, che difese sia Pike che il Ku Klux Klan e respinse al mittente l’attacco.

Basandosi su una visione rivelatrice, stilò una agenda di eventi poi puntualmente verificatisi nel secolo successivo, la quale conteneva anche la descrizione di eventi in predicato di verificarsi oltre il 20° secolo. E’ possibile che gli attuali leader stiano perseguendo tale agenda, in cui sarebbe previsto anche lo scoppio di una Terza ed ultima guerra mondiale?


Chi era Albert Pike?
Albert Pike nacque il 29 dicembre 1809 a Boston, maggiore dei sei figli di Benjamin e Sarah Andrews Pike. Studiò ad Harvard e poi divenne generale di brigata dello esercito confederato. Dopo la guerra civile fu giudicato colpevole di tradimento e imprigionato, per poi essere graziato per via dell’intervento di un fratello massone, il presidente Andrew Johnson, il 22 aprile 1866, con cui si incontrò il giorno successivo alla Casa Bianca.

Nel 1867 gli alti gradi del Rito Scozzese lo elevarono al 32esimo grado della Massoneria. In seguito Pike avrebbe edificato un tempio massonico nella città di Boston.

Si dice che Pike fosse un genio, in grado di leggere e scrivere in 16 lingue, sebbene personalmente non riesca a rintracciare alcuna prova concreta di ciò. Nelle diverse fasi della sua vita fu poeta, filosofo, pioniere, soldato, umanista. Massone di 33° grado, cofondatore del Rito Scozzese e Gran Commendatore della massoneria del nord America dal 1859 fino alla sua morte, avvenuta nel 1891. Nel 1869 divenne leader dei Cavalieri del Ku Klux Klan.
Pike affermava di essere satanista e di possedere un braccialetto per evocare Lucifero.

Assistente di Pike fu Phileas Walder, elvetico, ex sacerdote luterano, massone, occultista e spiritualista. Pike lavorò anche a contatto con l’italiano Giuseppe Mazzini(1805-1872).

Albert Pike morì il 2 aprile 1891, e fu sepolto nel cimitero di Oak Hill, sebbene i suoi resti si trovino attualmente presso la sede del Consiglio del 33° grado del Rito Scozzese della massoneria di Washington, DC.

Adam Weishaupt (1748 – 1811) istituì l’Ordine della Perfectibilists il 1 maggio 1776 (data celebrata a vario titolo in molti paesi occidentali), che in seguito divenne noto come la società segreta degli Illuminati.

Sebbene l’Ordine fosse stato istituito al fine di fornire la opportunità di un libero scambio di idee, la opera di Weishaupt come gesuita pare abbia influenzato il carattere della società in modo tale che l’obiettivo di questo Ordine sia negli anni diventato quello di abolire il cristianesimo e rovesciare tutti i governi civili.

Il rivoluzionario italiano Giuseppe Mazzini (1805-1872), fu scelto dagli Illuminati nel 1834 per dirigere le loro operazioni in tutto il mondo. A causa della attività rivoluzionaria di Mazzini in Europa, il governo bavarese attuò un giro di vite sugli Illuminati e le altre società segrete, con la accusa di aver pianificato il massiccio rovesciamento delle monarchie europee. I segreti degli Illuminati furono rivelati, i membri della setta furono perseguitati e infine l’Ordine fu sciolto, salvo poi risorgere nelle anse di altre organizzazioni, tra cui la Massoneria.

Durante la sua leadership Mazzini coinvolse Albert Pike nell’Ordine degli Illuminati. Pike era affascinato dalla idea di un governo unico mondiale, e dietro richiesta di Mazzini accettò prontamente di redigere un tomo rituale che guidasse la transizione di muratori di rango medio elevato, in Illuminati muratori di rango superiore (33 ° grado). Mazzini poi scelse Pike come comandante supremo degli Illuminati d’America.

Solo ai muratori di alto rango è dato di conoscere i reali segreti della massoneria. E’ per tale ragione che la gran parte dei massoni nega con sincera veemenza le cattive intenzioni della loro confraternita. La stragrande maggioranza di essi non raggiunge il 30° grado, quindi resta all’oscuro dei reali obiettivi e segreti della Massoneria.

Nell’ambito delle spiegazioni su come avesse dovuto sviluppare il tomo che gli era stato commissionato, Mazzini scrisse le seguenti parole in una lettera indirizzata a Pike il 22 Gennaio 1870.

“Dobbiamo permettere a tutte le federazioni di continuare ad essere come sono, con i loro sistemi, le loro autorità centrali ed i loro diversi modi di rapportarsi tra alti gradi, ma dobbiamo creare un rito supremo che dovrà restare sconosciuto, allo interno del quale raduneremo solo massoni selezionati di grado elevato. Questi uomini dovranno assicurare la massima segretezza. Questo rito supremo disciplinerà tutte le logge e diventerà l’unico coordinamento internazionale, il più potente perché la sua direzione resterà sconosciuta. “ (1)

Pike pubblicò il manuale nel 1871. 861 pagine, intitolate La Morale ed il Dogma dello Immacolato Antico e Accettato Rito Scozzese della Massoneria.

Dopo la morte di Mazzini, l’11 marzo del 1872,Pike nominò il banchiere fiorentino Adriano Lemmi(1822-1896, 33° grado), a capo delle attività sovversive massoniche in Europa.Lemmi era sostenitore del rivoluzionario Garibaldi, membro probabilmente di una confraternita fondata da Pike. Lemmi fu poisostituito da Lenin e Trotsky, quindi da Stalin.

Le attività rivoluzionarie di questi uomini furono finanziate da banchieri internazionali inglesi, francesi, tedeschi e americani, sotto l’egida della casata dei Rothschild.

Tra il 1859 e il 1871 Pike elaborò un progetto militare che contemplava lo scoppio di tre guerre mondiali (v. correlati) e diverse rivoluzioni in tutto il mondo, successione di eventi che a suo giudizio avrebbe inoltrato la cospirazione verso la fase finale del 20° secolo.
Oltre al Supremo Consiglio di Charleston, South Carolina, Albert Pike istituì il Consiglio Supremo di Roma (guidato da Mazzini), Londra, Inghilterra (guidato da Palmerston) e Berlino (guidato da Bismarck). Istituì inoltre 23 consigli subordinati in luoghi strategici disseminati in tutto il mondo, tra cui cinque Grand Central Directories in Washington, Montevideo, Napoli, Calcutta e Mauritius (Africa), utilizzati per raccogliere informazioni.

Da allora i suddetti presidi sono stati le sedi segrete delle attività degli Illuminati.

Usati
1 Articolo
Ultimi articoli in magazzino

Riferimenti Specifici